+385 99 734 2169

Condizioni moeteorologiche e venti dell'Adriatico

Condizioni moeteorologiche e venti dell'Adriatico

Sulla costa adriatica croata in generale si distinguono tre tipi caratteristici di tempo: Scirocco (Jugo) – il vento caldo e umido del sud, Bora (Bura) – il vento freddo e secco del nord, e tempo stabile estivo con il vento NW di giorno – il vento di nord-ovest chiamato Maestrale (Maestral) e la brezza di notte dalla terra, chiamata Borino (Burin). I venti lo Scirocco e la Bora sono i marcatori di tempo sull'Adriatico e più spesso soffiano in inverno (dall'ottobre all'aprile), mentre il Maestrale soffia generalmente in estate. Jugo è più forte e più frequente nell'Adriatico meridionale, mentre nell'Adriatico settentrionale lo è la Bora. I venti invernali sono generalmente più frequenti, più duraturi e più forti che quelli estivi. I cambiamenti del vento dallo Scirocco alla Bora per i naviganti inesperti e ignoranti possono essere pericolosi sia in mare che ad un ancoraggio o in un porto insicuro.

BORA (BURA)

La Bora è un vento improvviso, rafficato, secco, freddo e talvolta uragano (fino a 12 Bf). Soffia estremamente a violenti raffiche (chiamate refule) dall'interno della terra fredda dell'Adriatico orientale in gran parte dalla direzione NNE - ENE. La configurazione del terreno influenza la forza e la direzione della Bora. Essa scende ripidamente sulla superficie del mare, le onde sono irregolari, ripide, corte e basse. La Bora forte spruzza le cime delle onde nella schiuma del mare e porta come polvere ("il fumare del mare"), che riduce la visibilità, e c'è il rischio per naufragi perché disturba il respiro. Se non c'è polvere del mare, la visibilità è buona. La temperatura dell'aria può essere ridotta di 10 gradi C in breve tempo. Generalmente la pressione dell'aria è aumentata. La frequenza e la forza della Bora diminuisce dal nord a sud-est della costa croata. D'inverno la Bora soffia più spesso, più forte e più a lungo (3-7 giorni), d'estate meno spesso, meno forte e più breve (fino a 2 giorni). In proporzione alla distanza dal terreno, la Bora diventa più debole e con meno raffiche ma con onde forti e più definite. Un improvvisa comparsa della Bora è uno dei suoi lati più pericolosi. Essa è più forte intorno alle 10 e dalle 18-22 ore. Indebolisce intorno a mezzogiorno e mezzanotte.

Distinguiamo la Bora anticiclonica e quella ciclonica. La Bora chiara anticiclonica si genera durante il tempo secco e sereno accompagnato da alta pressione, colpi forti e rafficati, dalla direzione ENE - N, col freddo moderato. La Bora ciclonica, "scura" è un vento molto forte, però "costante", senza raffiche rilevanti, dalla direzione NE - E. È accompagnata da tempo nuvoloso e piovoso, d'inverno spesso anche da nevischio, con un improvviso calo di pressione. I luoghi dove la Bora soffia più forte e più spesso sono: il Golfo di Trieste, il Canale di Lemme, il Golfo di Fiume, il Canale di Velebit (Segna – Karlobag), la zona di Sebenico, vicino a Spalato e Salona, la baia Vrulja (la Riviera di Macarsca), la foce di Narenta e il Golfo di Zuljana (Sabioncello). Esiste una regola: i lati spogliati dell'isola verso la costa sono particolarmente esposti a raffiche della Bora. Un tipico segno dell'arrivo di Bora è la formazione di nubi biancastre chiamate "cappello" o "corona" sulle cime delle montagne in particolare sopra quelle di Velebit e Biokovo, l'aumento della pressione dell'aria e l'abbassamento della temperatura. Il bordo della massa inferiore della nuvola è orizzontale e chiaramente limitato. Se il "cappello" cresce significa che la Bora si rafforza e viceversa. Dopo la fine della Bora forte, d'estate capitano un paio di giorni di tempo sereno e bellissimo, con il moderato Maestrale. La Bora è il vento più forte e pericoloso per la navigazione, a causa della sua comparsa improvvisa e del suo rapido sviluppo.

TRAMONTANA – VENTO DEL NORD

La Tramontana (Tramuntana) è un tipo di Bora che soffia da nord (N). Si tratta di un vento locale, freddo, secco, breve e a raffiche come Bora. È accompagnata da tempo sereno e alta pressione barometrica. Lontano dalla costa è più forte, dura più a lungo e genera onde sviluppate. È più diffuso nell'Adriatico meridionale.

LEVANTE (LEVANAT) – VENTO DELL'EST

Il Levante, vento dell'est, è un tipo di bora che soffia dalla direzione E. È a breve termine, costante e moderatamente forte. Si tratta del vento di transizione quando lo Scirocco gira alla Bora o viceversa. D'inverno è accompagnato da tempo piovoso e freddo moderato, a volte porta la neve. D'estate nelle ore di mattina, nel tempo chiaro e stabile il Levante si genera nei canali delle isole della Dalmazia. Il vento è inerente all'Adriatico settentrionale. Il Levante è favorevole alla navigazione.

SCIROCCO (JUGO)

Lo Scirocco è un vento caldo e umido, di velocità costante e direzione stabile. Soffia per lo più dalla direzione ESE - S. È meno pericoloso della Bora, perché viene gradualmente, soffia costantemente e e raggiunge la forza di burrasca solo il secondo o il terzo giorno di soffiare. Si genera più frequente e più forte nell'Adriatico meridionale che in quello settentrionale. D'estate soffia raramente, con ridotta intensità e dura non più di 3 giorni. D'inverno può durare fino a 10 giorni, e con brevi interruzioni fino a 3 settimane. Si distingue lo scirocco anticiclonico e quello ciclonico. Lo scirocco anticiclonico è uno Scirocco chiaro che soffia nel tempo sereno e soleggiato o un po' nuvoloso e nel tempo caldo e afoso. È più diffuso in primavera e in autunno. Per lo più senza precipitazioni oppure a volte è possibile una pioggia leggera. L'atmosfera è torbida e la visibilità è scarsa. La sua comparsa è preceduta da aumento della pressione barometrica. Lo Scirocco gira più spesso al vento dalla direzione S e SW che al vento dalla direzione E. I segni dell'arrivo dello Scirocco: foschia e le nuvole all'orizzonte di SE e S, la temperatura e l'umidità dell'aria aumentano, mentre la pressione dell'aria diminuisce gradualmente. Lo Scirocco ciclonico, "scuro", è caratterizzato da nuvole fitte, basse, di piombo grigio e da pioggia persistente. A volte soffia a raffiche. La pressione atmosferica è bassa, il mare mosso diminuisce la visibilità. Lo Scirocco ciclonico si genera più spesso dello Scirocco anticiclonico.

LIBECCIO (GARBIN) – VENTO DEL SUD-OVEST

È un vento burrascoso dalla direzione SW con onde fortemente sviluppate, forti precipitazioni e scarsa visibilità. Sulla costa adriatica della Croazia soffia raramente ed è particolarmente forte d'inverno e d'autunno. D'estate è un vento generato da maltempo locale (lebicada) e a breve termine. Si genera più spesso nell'Adriatico centrale e in quello meridionale. Il Libeccio provoca un mare mosso e d'estate dura solo poche ore. Il segno dell'arrivo del Libeccio sono gli strati di nebbia bassa nella parte sud-ovest dell'orizzonte, un improvviso calo di pressione e una marea estremamente alta. A causa del mare improvviso e sviluppato, può mettere in pericolo le navi nei porti che non sono protetti dal vento dalla direzione SW.

PONENTE (PULENT) – VENTO DELL'OVEST

Il Ponente soffia dalla direzione W. Arriva d'improvviso, soffia raramente. Il Ponente è un vento di forza debole, breve durata, freddo e pericoloso, di intensità fino a 12 Bf. Può causare mare molto mosso lungo la costa occidentale e sud-occidentale di isole periferiche e nei canali di mare. Porta la pioggia di breve durata ma abbondante. Passato il Ponente, arriva un breve miglioramento del tempo e il vento di nuovo gira allo Scirocco. È più frequente nel periodo freddo dell'anno che in quello caldo. Lungo la costa croata dell'Adriatico solleva onde grandi e intersecate. La pressione atmosferica è bassa.

MAESTRALE (MAESTRAL)

Il Maestrale è il vento giornaliero tipico per la stagione estiva dell'anno (dall'aprile all'ottobre). A seconda di condizioni locali soffia dalla direzione di NW - SW. Un vento piacevole e rinfrescante di intensità stabilita debole o moderata. La pressione barometrica è bassa. Allevia il caldo estivo, accompagna il tempo bello e stabile. È piacevole per la vela. È più forte e più frequente nell'Adriatico meridionale e centrale che settentrionale. Nei canali soffia più fortemente. In mare aperto provoca alte onde. Inizia a soffiare intorno alle 9 -10 ore, come una brezza leggera, mentre intorno alle 14 ore raggiunge il suo massimo e termina prima del tramonto. Dal mattino al pomeriggio si cambia la direzione del soffio a destra cioè gira seguendo il sole da sud-ovest a nord-ovest.

 

BORINO (BURIN)

Il Borino è il vento che soffia di notte d'estate dal continente verso il mare. Comincia a soffiare dopo il tramonto. Nell'Adriatico settentrionale soffia dalla direzione NNE - ENE, mentre verso l'Adriatico meridionale lo fa per lo più dalla direzione E. Porta bel tempo e alta pressione.

 

TEMPESTA (NEVERA) - MALTEMPO

Oltre ai venti locali sull'Adriatico è anche possibile un maltempo locale, di breve termine e di portata minore: tempesta (nevera) o piccola tempesta (neverin). Esse si verificano in tutte le stagioni dell'anno ma più spesso d'estate. Le tempeste estive sono più frequenti nell'Adriatico settentrionale che in quello meridionale (d'inverno è viceversa). Il maggior numero di tempeste proviene dall'Italia, in particolare dalla sua parte settentrionale, e attraversa l'Adriatico dala direzione SW - NW ad alta velocità. Le tempeste sono caratterizzate da violenti e pericolosi raffiche di vento (anche fino a 10 Bf), di solito da pioggia forte, lampi, tuoni, calo di temperatura. Le tempeste sono di breve durata fino a 2 ore, più spesso in prima serata e di notte. Dopo la tempesta di solito il tempo è tranquillo e chiaro. I segni dell'arrivo di una tempesta: tempo caldo e afoso, silenzio, calo della pressione atmosferica. Ad ovest appaiono nuvole scure di tempesta, che si muovono verso est, dalle quali vengono i lampi. Quando la tempesta si avvicina, si sente il tuono. La riduzione dell'intervallo di tempo tra lampi e tuoni significa che la tempesta si sta avvicinando. Prima dell'arrivo della tempesta le navi ancorate devono essere particolarmente protette dal suo colpo, perché le tempeste per il loro arrivo improvviso e la loro severità sono molto pericolose.

 

SEGNI PER PREVISIONI METEO LOCALI

 

ALCUNI SEGNI DI PEGGIORAMENTO DEL TEMPO

  • Calo della pressione atmosferica
  • Comparsa di una marea estremamente alta
  • Assenza di Maestrale d'estate o se il Maestrale smette di soffiare precocemente
  • Pallida luna e una corona (anello) intorno ad essa predice i cambiamenti del tempo
  • Cielo rosso o arcobaleno la mattina presto annuncia la pioggia imminente
  • Maestrale invernale è spesso un indizio dello Scirocco e della pioggia
  • Vento forte alla mattina con il tempo chiaro
  • Giro della Bora alla direzione E, specialmente a quella SE, con il tempo chiaro
  • Pressione bassa permanente con il bruto tempo significa che esso durerà

ALCUNI SEGNI DI MIGLIORAMENTO DEL TEMPO

  • Un graduale aumento della pressione, specialmente superiore a 1012 hPa
  • La comparsa di serenità con cielo nuvoloso nella parte W dell'orizzonte
  • Secondo una teoria: il vento dopo la pioggia porta il bel tempo
  • Comparsa di arrossamento dopo il tramonto nel cielo nuvoloso

 

ALCUNI SEGNI DI CONTINUAZIONE DEL BEL TEMPO

  • Maestrale di giorno e Borino all'alba (e di notte)
  • Livello dell'acqua estremamente basso (bassa marea) oppure se cambiamenti delle maree durante il giorno sono corrette, se con bel tempo il tramonto è chiaro e fino alla fine illumina vividamente, nonché se dopo il tramonto l'orizzonte occidentale è di bei colori ("arrossamento del cielo")
  • Se l'alta pressione atmosferica non cambia oppure se essa aumenta
  • Cielo chiaro con il silenzio (con qualche nuvola)
  • Durante la Bora non c'e peggioramento del tempo

VISIBILITÀ – NEBBIA

La visibilità è la più grande distanza orizzontale (in km), a cui si possono vedere e riconoscere gli oggetti (di giorno) e la luce (di notte). La visibilità nell'Adriatico è relativamente elevata (di 20 – 30 km). La nebbia riduce la visibilità orizzontale a meno di 1 km. Quando la visibilità è tra l1 e 10 km, tale sfocatura si chiama foschia. Classificazione della nebbia: nebbia fitta, la visibilità fino a 50 m; nebbia moderata, la visibilità fino a 500 m, nebbia debole, la visibilità fino a 1000 m. La frequenza di nebbia sulla costa adriatica croata è scarsa ed è più comune d'autunno e d'inverno. La nebbia è più frequente nell'Adriatico settentrionale (oltre 20 giorni all'anno), nell'Adriatico centrale la sua frequenza è di 5 giorni, mentre in quello meridionale è di 1-2 giorni all'anno.

ROSA DEI VENTI


SCALA BEAUFORT

 

velocità

altezza delle onde

km/h

m/s

kt

mph

m

ft

0 Bf

calma

< 1

0-0.2

< 1

< 1

-

-

1 Bf

bava di vento

1-5

0.3-1.5

1-3

1-3

0.1(0.1)

0.25(0.25)

2 Bf

brezza leggera

6-11

1.6-3.3

4-6

4-7

0.2(0.3)

0.5(1)

3 Bf

brezza tesa

12-19

3.4-5.4

7-10

8-12

0.6(1)

2(3)

4 Bf

vento moderato

20-28

5.5-7.9

11-16

13-18

1(1.5)

3.5(5)

5 Bf

vento teso

29-38

8.0-10.7

17-21

19-24

2(2.5)

6(8.5)

6 Bf

vento fresco

39-49

10.8-13.8

22-27

25-31

3(4)

9.5(13)

7 Bf

vento forte

50-61

13.9-17.1

28-33

32-38

4(5.5)

13.5(19)

8 Bf

burrasca

62-74

17.2-20.7

34-40

39-46

5.5(7.5)

18(25)

9 Bf

burrasca forte

75-88

20.8-24.4

41-47

47-54

7(10)

23(32)

10 Bf

tempesta

89-102

24.5-28.4

48-55

55-63

9(12.5)

29(41)

11 Bf

tempesta violenta

103-117

28.5-32.6

56-63

64-72

11.5(16)

37(52)

12 Bf

uragano

>=118

>=32.7

>=64

>=73

14(-)

45(-)